Cicatrici e cheloidi: il trattamento laser

Cheloidi, cicatrici e cicatrici da acne: come eliminarli in modo efficace con il Laser a Milano
Il Laser CO2 (Laserterapia) consente l'asportazione della cicatrice e del cheloide asportando il tessuto fibrotico cicatriziale e con la sua azione riposizionamento le fibre di collagene e la contrazione delle stesse. Ciò consente la riduzione della rima cicatriziale.

Cicatrice è un segno visibile sulla pelle che si crea in seguito alla rimarginazione di una ferita data la capacità della pelle di guarire. Se la lesione coinvolge la struttura cutanea intera con distruzione a carico del derma, il processo di riparazione comporterà rimozione del tessuto danneggiato e produzione di nuova matrice extracellulare sulla quale si ristabilirà la continuità epidermica. Questo processo biologico di riparazione e la ri-organizzazione della matrice dermica (processo che può impiegare fino a 6 mesi) è alla base della formazione della cicatrice e maturazione della stessa. Se il processo di ri-organizzazione sarà ottimale, si avrà una cicatrizzazione di buon licvello che si tradurrà in assenza di segni cicatriziali.

Fasi della formazione della cicatrice
Il processo di riparazione avviene in tre stadi. Dopo una fase iniziale con la formazione del coagulo e l'invasione di cellule infiammatorie all’interno dell’area danneggiata, segue la fase proliferativa con la formazione di matrice tissutale connettivale molto vascolarizzata (neo-angiogenesi), con la sintesi di nuovi costituenti della matrice extracellulare, contrazione elastica dell’area della ferita e riepitelizzazione che determina la copertura. Ultima la lunga fase di remodeling con il riassorbimento e la sintesi dei componenti e la riorganizzazione della matrice connettivale con la formazione di pelle nuova integra. I fibroblasti nei tessuti neoformati operano la biosintesi dei componenti strutturali della matrice. Questi eventi in sequenza nella fase di remodeling determinano l’esito finale estetico della cicatrice (tipo di cicatrizzazione).

Classificazione delle cicatrici
Categorizzazione delle cicatrici basata sulle caratteristiche cliniche, è quella usata da Tina Alster M.D.

Cicatrici Eritematose colore: rosa/rosso - Texture: lucente, poca “cute” - Forma: piatta vasi sanguigni dilatati ed aumentati di numero; fibrosi variabile
Cicatrici Pigmentate colore: bluastro/marrone - Texture: lucente, poca “cute” - Forma: piatta, melanina aumentata alla giunzione D/E; fibrosi variable
Cicatrici Ipertrofiche colore: bianco/rosa o Rosso - Texture: lucente, rara “cute” - Forma: rilevate, adese ai bordi della ferita fibre di collagene spesse; scarsa matrice mucoide
Cicatrici cheloidee colore: rosso carico/porpora - Texture: lucente, niente “cute” - Forma: rilevate, adese oltre bordi della ferita , collagene spesso e ialinizzato; matrice mucoide aspetto nodulare; struttura disorganizzata
Cicatrici atrofiche colore: bianco/rosa - Texture: lucente, rugoso, scarsa cute. - Forma: infossate o depresse, epidermide più sottile; fibrosi del derma variabile

trattamento laser Co2 cicatrice viso 

 

Strategia terapeutica
IL TRATTAMENTO NEL DETTAGLIO 




 

tutti i diritti riservati